16 giugno 2006

Teniamoli svegli

Sarà l’estate alle porte, sarà che hanno già la testa in vacanza, sarà che soffrono un po’ il caldo, sarà la solita inerzia indotta dai salotti romani, fatto sta che mi sto cominciando a preoccupare per i nostri dipendenti. Parlano molto come al solito ma è la solita cortina fumogena di esternazioni che di concreto hanno poco o nulla, se non lo scopo di farci credere che stanno facendo qualcosa e di tenerci buoni.

Comincio a temere che anche questa volta abbiano qualche interesse che gli impedirà di affrontare i temi secondo me fondamentali del conflitto di interessi e del riordino del sistema radiotelevisivo, o peggio che nascondano qualche scheletro nell’armadio che li rende ricattabili.

Per fortuna che anche il mitico Beppe li tiene sotto controllo.

E’ passata una settimana dall’incontro a Palazzo Chigi.
Il dipendente Prodi ha sicuramente avuto modo di leggere le proposte nate dalle Primarie dei Cittadini. Il nostro massimo dipendente infonde fiducia, sorride, annuisce, approva, medita, gorgoglia ed emette borbottii di condivisione. Di fronte a una catastrofe è sempre sereno. E noi, rassicurati, pensiamo ad altro.
Ma una settimana di miele è già finita e tanto rassicurato non sono più. Non che metta in discussione i fioretti di Prodi, però...
Però un numero di sottosegretari e ministri come noi non li ha neppure tutto il parlamento europeo.
Però molti ministri non sanno di cosa parlano, ma parlano tutti i giorni.
Però ricevere i vertici di Abertis e di Autostrade a Palazzo Chigi un giorno si e l’altro pure non si fa durante una trattativa in corso.
Però l’amnistia.
Però la legge sul conflitto di interessi di cui nessuno parla più, fatto strano in un governo di parolai.

Però la riforma della legge elettorale che era urgente ed ora forse.
Però il ritiro dall’Iraq che si poteva fare in una settimana e invece non si vuole offendere Bush.
Però la riforma dell’assetto radiotelevisivo che andava fatta subito e forse non si farà più.

Caro dipendente Prodi, dopo una sola settimana che ci siamo visti non mi sembra il caso di avviare alcun tipo di sanzione disciplinare, ma sono, devo dirlo, un po’ deluso.
Ma forse è un problema solo mio.

L’incontro con Prodi è stato filmato, nessuno ha ancora visto cosa è realmente successo. Ora potete saperlo, guardate i tre brani, fateli girare, ma non ditelo a nessuno.

Dipendenti, ricordatevi che VIGILIAMO