30 maggio 2006

Sicilia: comunque un grande segnale

Premetto che non sono siciliano, né in quella terra ci sono mai stato (anche se conto di farlo quanto prima). Detto questo volevo sottolineare l’ottimo risultato ottenuto alle recenti elezioni regionali da Rita Borsellino, con oltre il 41%.

Il popolo siciliano ha dato a mio avviso un grandissimo segnale contro la Mafia e il malgoverno, esprimendo un voto di coraggio non solo al candidato e al suo programma, ma anche alla memoria del fratello, che per la Sicilia ha dato la sua vita.

Certo non si è riusciti a conquistare la maggioranza ma ritengo che quello che è avvenuto valga più di una vittoria di misura, alla quale sarebbe magari seguito un governo difficile e di breve durata, che avrebbe un ulteriore ondata di sfiducia nella gente.

Credo invece che con questo voto siano state poste le basi per un rinnovamento importante sul quale si potrà costruire in futuro una nuova storia nella lotta alla Mafia, attaccandola nel suo centro nevralgico da sempre, quello delle istituzioni, all’interno delle quali si insinua come una piovra.

Forse sono troppo ottimista ma io penso che se dalla Sicilia dovessero continuare ad arrivare segnali di questo tipo, a Roma molte poltrone comincerebbero a vacillare e tutto il paese ne trarrebbe beneficio.